Comunicazione Aumentativa e Alternativa- SPAZIO FORUM

SPAZIO FORUM

Comunicazione Aumentativa e Alternativa

LA C.A.A.
Spazio Forum realizza interventi con l'utilizzo della C.A.A.
La Comunicazione Aumentativa e Alternativa è un insieme complesso di strategie che possono migliorare la qualità della vita della persona con disabilità e dei suoi familiari, in quanto facilita l’intervento educativo e sostiene lo sviluppo delle competenze adattive e sociali. Si tratta di una pratica clinica che, attraverso buone prassi per la comunicazione, la progettazione e lo sviluppo del percorso formativo e di apprendimento nella scuola, nella famiglia e nell’ambiente comunitario, porta all'individuazione degli strumenti e dei metodi più adatti, per agevolare l’apprendimento e la comunicazione della persona.
Intervento
A partire dalle competenze di base, l'esperto giunge alla scelta dell'ausilio di comunicazione più efficace, con lo scopo di compensare la presenza di menomazioni e disabilità che caratterizzano il disturbo della comunicazione espressiva della persona.  Gli obiettivi sono di potenziare le sue abilità residue  e le modalità naturali, attraverso l’uso di modalità speciali.
Una volta scelto lo strumento, a seconda delle caratteristiche specifiche, l'esperto guida la persona all’utilizzo dell'ausilio di comunicazione, sia esso uno strumento povero oppure una tecnologia più complessa. Prendendo in esame tutte le variabili e ragionando sui vari fattori che entrano in gioco nell’impostazione degli obiettivi e sulla riuscita o meno del progetto stesso, l'esperto traccia una panoramica il più possibile completa dei “livelli” di intervento, in riferimento alle abilità dell'individuo, alla situazione ambientale e a tutte le variabili che possono intervenire, mostrando così anche le criticità di questo tipo d’intervento. 

Contattaci per avere maggiori informazioni!
Il dott. Luigi Fabemoli ha frequentato e concluso il corso di Alta Formazione in “Comunicazione Aumentativa e Alternativa”, Livello I e II, presso il Consorzio Humanitas di Roma (2020).